Quel fastidioso pizzicore in gola…

pubblicato in: APPUNTI | 0

L’autunno è arrivato ma, complici le luminose e ancora calde giornate di sole, non ci siamo ancora rassegnati all’abbigliamento pesante e gli improvvisi sbalzi di temperatura, mandando in tilt il nostro sistema immunitario, si rendono responsabili di tutte quelle affezioni delle prime vie respiratorie che si presentano tutto l’anno, ma in questo periodo raggiungono la loro massima diffusione: raucedine e abbassamento di voce, rinite, faringite, tonsillite, laringite…

I sintomi variano a seconda dell’area interessata: naso, gola, tonsille, faringe, laringe.

Si parla di rinite quando si presentano i classici sintomi da raffreddamento: circa 200 virus possono essere i responsabili dell’irritazione delle cavità nasali con conseguente congestione, naso chiuso e gocciolante, gola irritata, secrezione di muco.

Le tonsille sono quei piccoli organi posti ai lati della gola che hanno il compito di proteggere l’organismo da batteri e virus che penetrano attraverso naso e bocca. Proprio per questa loro caratteristica molto spesso si infiammano dando origine alla tonsillite caratterizzata da rigonfiamento e iperemia locale, dolore alla deglutizione, abbassamento della voce.

La faringite è quella sintomatologia che comunemente chiamiamo “mal di gola” ossia una patologia infiammatoria del canale che collega la bocca con la laringe e l’esofago. È caratterizzata da dolore alla deglutizione, sensazione di calore in gola, arrossamento della mucosa e raucedine, tosse e catarro.

La laringe è quell’organo posto alla radice della lingua che incanala l’aria dalla bocca in trachea e la sua infiammazione può causare raucedine, abbassamento di voce, tosse secca e stizzosa, difficoltà a deglutire, gonfiore e dolore locale acuto.

Un buon equilibrio vitaminico è fondamentale per fortificare le difese immunitarie e garantire così l’efficienza dell’organismo: in questo, frutta e verdura ricche di vitamine, ci aiutano molto. Ottimi gli agrumi, ma anche kiwi, uva, ribes nero e poi carote, spinaci, radicchio, peperoni…

Un prezioso rimedio naturale è il miele che ha proprietà antisettiche per la gola e calmanti per la tosse.

E se nonostante la prevenzione dovessimo accusare i primi sintomi, che fare?

Per combatterli si utilizzano dei disinfettanti sotto forma di spray, colluttori o di pasticche da succhiare che creano localmente delle condizioni inospitali per i virus rallentando o impedendo lo sviluppo di microorganismi.

Se i sintomi sono più intensi è indicato l’uso di antiinfiammatori locali che svolgono un’azione analgesica e antiinfiammatoria mirata sulle mucose del cavo orale e delle vie aeree superiori.

La maggior parte delle affezioni si risolvono nel giro di pochi giorni… Se così non fosse, meglio consultare il proprio medico e, in ogni caso, è bene ricordare che è assolutamente sconsigliato ricorrere all’antibiotico “fai da te” in quanto non attivo e quindi totalmente inefficace sui virus!