Lo sai mamma? Le infezioni respiratorie

pubblicato in: APPUNTI | 0

Le infezioni delle vie respiratorie sono le malattie più frequenti nei bambini. Sono spesso causate da virus e i sintomi come raffreddore, tosse, febbre, otalgia scompaiono nella maggior parte dei casi spontaneamente nell’arco di 10/14 giorni. Nei bambini che frequentano l’asilo è comune che si verifichino infezioni ricorrenti, e gli episodi tendono a ridursi con la crescita.

Per prevenire il diffondersi di queste patologie è utile seguire scrupolosamente le comuni norme igieniche come ad esempio lavare spesso le mani, tossire e starnutire coprendo naso e bocca con un fazzoletto di carta da gettare dopo l’uso.

Nella maggior parte dei casi le infezioni delle vie aeree non richiedono alcuna terapia farmacologica, pur tuttavia il pediatra sulla base dei sintomi del bambino, per esempio la febbre o degli esami come il test rapido per lo streptococco, potrebbe prescrivere un antifebbrile o un antibiotico in caso di sovrapposizione di infezione batterica.

La tosse è un sintomo che preoccupa i genitori e che infastidisce il bambino, non lo fa dormire e a volte gli provoca il vomito. In realtà è un meccanismo “utile” per eliminare il catarro. È importante aiutare il bambino rendendo più fluido l’espettorato e facilitandone così l’espulsione. Un consiglio è quello di far bere spesso il bimbo, dando la preferenza a liquidi caldi come tisane, latte e miele, thè. Anche i lavaggi nasali e l’aerosol con soluzione fisiologica sono mezzi idonei per sciogliere il muco e attenuare l’irritazione. È importante anche umidificare l’ambiente, mantenendo il tasso di umidità intorno al 50%.

Nel bambino come conseguenza di una malattia da raffreddamento o come sintomo di una infezione è frequente anche il mal d’orecchio o otalgia. In questo caso per alleviare il dolore e/o la febbre in attesa della visita pediatrica, è utile il paracetamolo. Se il bambino ha anche il raffreddore i lavaggi nasali con soluzione fisiologica possono dare sollievo, mentre le gocce otologiche vanno usate solo su indicazione del pediatra.