L’influenza

pubblicato in: APPUNTI | 0

L’influenza è una malattia provocata da virus che infettano le vie aeree: naso, gola, polmoni. È molto contagiosa perché si trasmette facilmente attraverso goccioline di muco e di saliva con tosse e starnuti, ma anche semplicemente parlando vicino ad un’altra persona o per via indiretta attraverso il contatto con mani contaminate dalle secrezioni respiratorie.

Il contagio può avvenire da un giorno prima della comparsa dei sintomi fino a 5/7 giorni dopo.

I tipici sintomi sono: febbre, brividi, tosse, mal di testa, dolori muscolari, stanchezza. Nei bambini si possono verificare anche episodi di diarrea e vomito.

Può manifestarsi in forma lieve, ma a volte può essere anche seria. Le complicanze più comuni sono polmonite, disidratazione, peggioramento di malattie croniche preesistenti ad es. quelle polmonari e cardiache, asma e diabete.

In Italia, come nel resto d’Europa, l’influenza si presenta con epidemie annuali durante la stagione invernale e colpisce in media l’8% della popolazione, raggiungendo il massimo di diffusione nel mese di febbraio.

Ogni anno il Ministero della Salute predispone una circolare contenente indicazioni sulla prevenzione e il controllo dell’influenza e le misure di igiene e protezione individuali; sono pure indicate le categorie di persone per le quali la vaccinazione è raccomandata: soggetti oltre i 65 anni di età, persone a cui è stata diagnosticata una patologia cronica da oltre sei mesi, conviventi di anziani e badanti che li accudiscono, donne in gravidanza e operatori sanitari.

Poiché i virus influenzali hanno la marcata tendenza di subire delle modifiche nelle proteine di superficie, non esiste una immunità acquisita da pregressa vaccinazione quindi la vaccinazione va ripetuta ogni anno.

Sulla base dei ceppi virali circolanti l’OMS aggiorna ogni anno la composizione del vaccino antinfluenzale. I vaccini contro l’influenza sono usati da oltre sessant’anni, sono considerati sicuri e sono il più efficace intervento per prevenire morbosità e mortalità correlati all’influenza.