In gamba!

pubblicato in: APPUNTI | 0

Avere le gambe pesanti e le caviglie gonfie può essere normale dopo una giornata trascorsa in piedi e indossando scarpe scomode, ma può anche essere indizio di un problema circolatorio che va sotto il nome di insufficienza venosa. Questo disturbo è più comune in estate perché esacerbato dal clima caldo e dall’umidità.

Il percorso del sangue

Le vene delle gambe devono spingere il sangue dal basso verso l’alto con una forza sufficiente a contrastare la forza di gravità. Allorchè perdono tono ed elasticità o le valvole posizionate al loro interno si afflosciano, il sangue fatica a risalire e ristagna all’interno dei capillari. Talvolta da lì può fuoriuscire riversandosi nei tessuti circostanti.

Insufficienza venosa

I sintomi più comuni dell’insufficienza venosa sono il gonfiore, la pesantezza, i formicolii, il senso di calore, prurito e dolore soprattutto di notte e infine la comparsa di vasi bluastri e molli sottopelle.
Le gambe pesanti, quindi, rappresentano un campanello d’allarme dello stato di salute delle vene degli arti inferiori che, in questo stadio, solitamente non hanno ancora subìto danni.

Come migliorare i sintomi

È bene quindi adottare delle abitudini atte a impedire l’aggravamento del disturbo e, anzi, a migliorarne i sintomi:
– fare giornalmente attività fisica (le più indicate sono le passeggiate, il nuoto e la bicicletta);
– evitare di indossare indumenti troppo stretti che ostacolano la risalita del sangue;
– le scarpe devono essere comode né troppo alte né troppo basse;
– bere molto;
– evitare di passare molto tempo in piedi, in caso contrario è bene utilizzare collant a compressione graduata;
– controllare il proprio peso;
– evitare il fumo;
– evitare bagni e pediluvi troppo caldi;
– abituarsi a dormire con le gambe leggermente rialzate.

Rimedi naturali

Alla Farmacia Emanuela Lago puoi trovare numerose proposte per aiutare a risolvere i problemi di insufficienza venosa con l’aiuto della natura: molte sono infatti le piante officinali che si sono dimostrate in grado di preservare l’integrità dei vasi sanguigni e dei tessuti connettivali e di migliorare la circolazione periferica. Fra queste: la vite rossa, la centella, l’ippocastano e il mirtillo. Chiedi in Farmacia!