Che botta!

pubblicato in: APPUNTI | 0

È l’estate il periodo in cui sono più frequenti piccoli incidenti, lievi contusioni che causano le tipiche “botte nere” sulla pelle, complici vacanze, scampagnate, sport all’aria aperta, giochi in spiaggia o nei prati…
Queste “botte nere” altro non sono che la manifestazione esterna di un trauma del tessuto sottocutaneo che, schiacciato da una pressione anomala, si lacera portando a rottura dei capillari della zona interessata; da qui la fuoriuscita di sangue e la formazione di lividi, ematomi ed ecchimosi dalla colorazione dapprima viola bluastra fino al giallo-marrone in relazione alle modifiche subite dall’emoglobina responsabile del colore rosso del sangue.
Per effetto del trauma si avverte in genere un dolore intenso, un pizzicore e in seguito gonfiore e tensione della parte colpita che possono limitare i movimenti.
Nella maggior parte dei casi, il danno si risolve in una decina di giorni.

Per affrettare la guarigione è importante seguire delle semplici e importanti regole. Applicare il più presto possibile del ghiaccio sulla parte dolorante per periodi di 20/30 minuti ad intervalli di 2 ore: il freddo, oltre ad un’azione leggermente anestetica, provoca vasocostrizione e blocca l’emorragia.

Procedere all’applicazione di pomate antiinfiammatorie utili a ridurre l’infiammazione e il dolore, sempreché sulla parte interessata non siano presenti anche ferite o lacerazioni. Possono essere utili anche preparati naturali a base di arnica, buon antiinfiammatorio che riduce il dolore in tempi rapidi, oltre che stimolare la circolazione. Un buon effetto antiedemigeno lo si ottiene con la bromelina, sia ad uso topico che in compresse ad uso orale. Molto utili pure gli impacchi di argilla. Proprietà calmanti e lenitive si ritrovano nei preparati a base di calendula. L’olio di iperico, infine, ha proprietà antiinfiammatorie e cicatrizzanti ed è quindi indicato anche in caso di ematomi associati a piccole lesioni e abrasioni cutanee. Esercita anche proprietà vasocostrittrici che favoriscono il riassorbimento dell’ematoma.

Allorchè il dolore acuto per il trauma è scomparso si può intervenire anche trattando la “botta nera” con pomate contenenti eparinoidi o antitrombotici per far riassorbire più velocemente l’edema e l’ematoma.

Ma come sempre, vi consigliamo di chiedere in Farmacia… il nostro personale sarà in grado di indicarvi la miglior cura!